la_Parola_del_giorno6-642x336

Venerdì II settimana del Tempo Ordinario Anno A

 Venerdì della II settimana del Tempo Ordinario Anno A
Gesù chiamò a sé quelli che voleva.
Ne costituì Dodici. Che chiamò apostoli.

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Marco. (Mc 3,13-19)
In quel tempo, Gesù salì sul monte, chiamò a sé quelli che voleva ed essi andarono da lui. Ne costituì Dodici – che chiamò apostoli -, perché stessero con lui e per mandarli a predicare con il potere di scacciare i demòni.
Costituì dunque i Dodici: Simone, al quale impose il nome di Pietro, poi Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni fratello di Giacomo, ai quali diede il nome di Boanèrghes, cioè “figli del tuono”; e Andrea, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso, Giacomo, figlio di Alfeo, Taddeo, Simone il Cananeo e Giuda Iscariota, il quale poi lo tradì.
Parola del Signore.

RIFLESSIONI

Gli Ebrei veneravano la legge, ma pochi la osservavano veramente; anzi il profeta Geremia riferisce questa promessa divina in un tempo in cui, per le gravi violazioni della legge, Dio ha castigato duramente il suo popolo: il tempio è distrutto, il popolo esiliato.
Ma quando tutto sembra venuto meno, Dio crea cose nuove, più belle delle antiche. Così fa anche ora:
“Porrò le mie leggi nelle loro menti e le imprimerò nei loro cuori”. Vale a dire che gli uomini saranno intimamente d’accordo con Dio, ameranno la sua volontà, avranno desiderio di compierla, avranno anzi la stessa volontà e gli stessi desideri di Dio. “Nessuno avrà più da istruire il suo concittadino, né alcuno il proprio fratello dicendo: Conosci il Signore! Tutti infatti mi conosceranno”: sarà una conoscenza personale, intima, non imposta da un insegnamento, ma detta nel cuore. È l’alleanza istituita da Gesù con il suo sacrificio, è lui stesso che diventa nostra legge nella carità universale. Lo diciamo ad ogni Eucaristia: “Questo è il calice del mio sangue per la nuova ed eterna alleanza“. C’è in più la parola “eterna”, che non si trova nel Vangelo ma si trova nei profeti ed è esatta, perché questa alleanza è definitiva, perfetta; ci unisce definitivamente con Dio e ci unisce tra noi. Questa è la base e la sorgente dell’unità.
Nel Vangelo odierno troviamo l’altra condizione dell’unità: l’elezione dei Dodici, l’istituzione che esprime la pluralità nell’unità, alla quale si deve aderire per essere uniti a Dio. Tutte le divisioni nella Chiesa sono dovute alla mancanza di fede e di adesione all’autorità; ma se vogliamo vivere davvero nell’unità dobbiamo avere un amore speciale per chi nella Chiesa è posto in autorità. Sono uomini deboli, imperfetti, ma costituiti da Cristo per conservare l’unità e per questo dobbiamo circondarli di affetto, di comprensione: Cristo Gesù è con loro! Chiediamo al Signore, per noi e per tutti gli uomini, la grazia di vivere uniti a lui, nel suo amore, osservando la legge che egli ci ha messo nel cuore e aderendo con fede all’autorità da lui costituita, affinché formiamo tutti un unico corpo.

Venerdì II settimana del Tempo Ordinario Anno Aultima modifica: 2017-01-22T21:08:36+01:00da angela1845
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento