la_Parola_del_giorno6-642x336

Sabato VII Settimana Del Tempo Ordinario Anno A

Sabato VII Settimana Del Tempo Ordinario Anno A
Dal Vangelo secondo Marco. (Mc 10,13-16)
Chi non accoglie il regno di Dio
come lo accoglie un bambino, non entrerà in esso.

TESTO:-

Dal Vangelo secondo Marco. (Mc 10,13-16)
In quel tempo, presentavano a Gesù dei bambini perché li toccasse, ma i discepoli li rimproverarono.
Gesù, al vedere questo, s’indignò e disse loro: «Lasciate che i bambini vengano a me, non glielo impedite: a chi è come loro infatti appartiene il regno di Dio. In verità io vi dico: chi non accoglie il regno di Dio come lo accoglie un bambino, non entrerà in esso».
E, prendendoli tra le braccia, li benediceva, ponendo le mani su di loro. Parola del Signore.

RIFLESSIONI

La Sacra Scrittura esalta la grandezza dell’uomo:
“Secondo la sua natura il Signore li rivestì di forza e a sua immagine li formò… Discernimento, lingua, occhi, orecchi e cuore diede loro perché ragionassero, li riempì di dottrina e di intelligenza e indicò loro anche il bene e il male”. E, ciò che è più prezioso: “Stabilì con loro un’alleanza eterna e fece loro conoscere i suoi decreti”. Parla, evidentemente, dell’alleanza con Mosè e della legge delle due tavole. Quanto più possiamo ora ammirare la bontà divina, pensando all’alleanza nuova conclusa nel sangue di Cristo e alla legge nuova scritta nei nostri cuori, che ci fa vivere nello Spirito Santo da figli di Dio! Nel Vangelo, a quest’uomo così grande per i doni di Dio, Gesù ripete più volte l’invito a diventare “come un bambino”: è la condizione per entrare nel regno del Padre. E per diventare “bambini” abbiamo una via: essere figli di Maria, che è stata piccola ed è stata contenta di esserlo: “il mio spirito esulta in Dio, perché ha guardato l’umiltà della sua serva”. È difficile essere contenti dei propri limiti! Il segreto è essere umili e magnanimi, per questo Maria ha potuto parlare per sé di grandezza e di umiltà.
Maria è stata adulta nella fede, ha usato, come dice il Siracide, il discernimento per ragionare: all’Angelo annunciante ha fatto domande essenziali per risposte precise. Ed è stata piccola, docile e fiduciosa nell’abbandonarsi a Dio. Leggiamo ancora nel Siracide:
“Loderanno il suo santo nome per narrare la grandezza delle sue opere”. E Maria nella visita ad Elisabetta ha cantato le lodi del Signore: “Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente e santo è il suo nome”.
Ringraziamo il Signore di averci dato in Maria un modello e una madre che ci aiuta a capire la necessità della piccolezza evangelica e a crescere in essa per ricevere le grazie divine.

Sabato VII Settimana Del Tempo Ordinario Anno Aultima modifica: 2017-02-25T12:35:29+01:00da angela1845
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento