Lc 10,17-24    RALLEGRATEVI PIUTTOSTO PERCHÉ I VOSTRI NOMI SONO SCRITTI NEI CIELI

Sabato Della XXVI Settimana del Tempo Ordinario Anno C

Signore, anche i demòni si sottomettono a noi nel tuo nome.
Rallegratevi piuttosto perché i vostri nomi sono scritti nei cieli.

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Luca. (Lc 10,17-24)
In quel tempo, i settantadue tornarono pieni di gioia, dicendo: «Signore, anche i demòni si sottomettono a noi nel tuo nome».
Egli disse loro: «Vedevo Satana cadere dal cielo come una folgore. Ecco, io vi ho dato il potere di camminare sopra serpenti e scorpioni e sopra tutta la potenza del nemico: nulla potrà danneggiarvi. Non rallegratevi però perché i demòni si sottomettono a voi; rallegratevi piuttosto perché i vostri nomi sono scritti nei cieli».
In quella stessa ora Gesù esultò di gioia nello Spirito Santo e disse: «Ti rendo lode, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio e nessuno sa chi è il Figlio se non il Padre, né chi è il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo».
E, rivolto ai discepoli, in disparte, disse: «Beati gli occhi che vedono ciò che voi vedete. Io vi dico che molti profeti e re hanno voluto vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono». Parola del Signore.

RIFLESSIONI

Beati gli occhi che vedono ciò che voi vedete.
Gesù è luce eterna, luce divina, luce purissima di sapienza, verità, carità, amore, giustizia. Lui è la luce che illumina ogni mente, ogni cuore, ogni pensiero. Tutta la storia sempre dovrà essere illuminata dalla sua luce. Dopo la missione, i discepoli tornano dal Signore pieni di gioia. Loro hanno visto, sperimentato che anche i diavoli si sottomettevano a loro quando glielo comandavano nel none di Cristo Gesù. Gioire per la sottomissione dei diavoli è una gioia effimera, inutile, vana. È una gioia non vera. Fermarsi ad essa è perdere la gioia vera, quella eterna. Poiché i diavoli mi si sottomettono, mi obbediscono, io sono a posto con Dio e con gli uomini. Contro questa illusione Gesù aveva già illuminato i suoi nel Discorso della Montagna.
Non chiunque mi dice: “Signore, Signore”, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli. In quel giorno molti mi diranno: “Signore, Signore, non abbiamo forse profetato nel tuo nome? E nel tuo nome non abbiamo forse scacciato demòni? E nel tuo nome non abbiamo forse compiuto molti prodigi?”. Ma allora io dichiarerò loro: “Non vi ho mai conosciuti. Allontanatevi da me, voi che operate l’iniquità!”. (Mt 7,21-23).
Quale dovrà essere per il discepolo di Gesù la vera gioia? Lui si dovrà preoccupare di una cosa: che il suo nome sia scritto nei cieli. Poiché come è facile scriverlo così è anche facile cancellarlo, il cristiano dovrà impegnare tutto se stesso perché ogni giorno esso venga scritto attraverso una vita esemplare, una obbedienza perfetta ad ogni Parola di Gesù Signore. Se oggi vive la Parola, il suo nome verrà scritto e rafforzato. Se invece non vive la Parola, il suo nome viene sbiadito e cancellato. Quando il nome non è scritto nei cieli, al momento della morte non si entra in esso. Si va dove il nome è stato scritto e di sicuro esso è scritto nell’inferno. Con la nostra vita di obbedienza costante scriviamo il nome il Paradiso. Con la vita di peccato lo scriviamo nell’inferno.
Gesù non è luce accanto ad altre luci. È la sola luce vera del Padre. Chi vuole essere luce per gli uomini, deve rivestirsi di grande umiltà e chiedere a Lui ogni luce. Chi attinge luce dalla Luce vera dona luce. Chi non attinge, rimane tenebra e sparge tenebra attorno a sé. Dotti, sapienti, intelligenti si credono luce. Disprezzano, deridono, umiliano Cristo Gesù. Di Lui non hanno alcun bisogno. Rimarranno in eterno nelle tenebre. Mentre piccoli, semplici, umili sanno che essi non sono luce e si rivolgono a Gesù per ottenerla. Questi godono della rivelazione che il Padre fa loro per mezzo della sua unica e sola vera Luce. O si attinge da Lui, o si rimane nelle tenebre.
Gesù è il vero frutto della Legge, dei Profeti, dei Salmi. Legge, Profeti, Salmi vivevano nella speranza di vedere anche uno solo dei giorni del Rivelatore, Mediatore, Messia, Salvatore. Questa speranza è stata loro negata. Questa speranza si compie tutta per gli Apostoli, i discepoli, i contemporanei di Gesù. Essi possono gustare questo frutto benedetto nel quale il Padre ha posto la benedizione di tutti i popoli. È una grazia così grande per la quale non basta una eternità di benedizione e di ringraziamento al Signore. Eppure la nostra insensibilità è grande. È come se nulla fosse avvenuto.
Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, fateci gustare Cristo Gesù.

Sabato Della XXVI Settimana del Tempo Ordinario Anno Cultima modifica: 2016-09-29T17:35:52+02:00da angela1845
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento