la_Parola_del_giorno6-642x336

Martedì VIII Settimana Del Tempo Ordinario Anno A

Martedì VIII Settimana Del Tempo Ordinario Anno A
Dal Vangelo secondo Marco. (Mc 10,28-31)
Gesù rispose: Chi ha lasciato tutto
riceverà cento volte tanto e la vita eterna.

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Marco. (Mc 10,28-31)

In quel tempo, Pietro prese a dire a Gesù: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito».
Gesù gli rispose: «In verità io vi dico: non c’è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi per causa mia e per causa del Vangelo, che non riceva già ora, in questo tempo, cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e la vita eterna nel tempo che verrà. Molti dei primi saranno ultimi e gli ultimi saranno primi». Parola del Signore.

RIFLESSIONI

Nella Sacra scrittura troviamo una catechesi completa sui sacrifici. Naturalmente nell’Antico Testamento quando si parla di sacrifici si pensa subito alla immolazione di animali e il Siracide ricorda al pio israelita di non trascurare le oblazioni prescritte dalla legge e di fare le proprie offerte con animo generoso e lieto:
“Non essere avaro nelle primizie che offri. In ogni offerta mostra lieto il tuo volto, consacra con gioia la decima”. Però si dilunga a spiegare che la vita è più importante dell’immolazione di vittime e così prepara già il Nuovo Testamento. “Chi osserva la legge moltiplica le offerte”, cioè l’osservanza della legge è equivalente a molte offerte: “Chi adempie i comandamenti offre un sacrificio di comunione; chi pratica l’elemosina fa sacrifici di lode…”. Non soltanto ciò che si fa per Dio costituisce un sacrificio, ma anche il bene che viene fatto al prossimo: praticare l’elemosina equivale ad offrire a Dio un sacrificio di lode. Nella lettera agli Ebrei l’autore dice: “Non dimenticatevi della beneficenza e di far parte dei vostri beni agli altri, perché di tali sacrifici il Signore si compiace”.
Ed infine il Siracide non esita ad insistere sulla generosità di Dio: “Da’ di buon animo secondo la tua possibilità, perché il Signore è uno che ripaga, e sette volte ti restituirà”. E chiaro che non si tratta di offrire sacrifici con animo interessato, compiendo così un atto di egoismo e non di omaggio a Dio, però possiamo essere sicuri che il Signore è più generoso di noi e questa persuasione ci è di aiuto ad essere anche noi veramente generosi.
Nel Vangelo odierno Gesù conferma questa concezione, anzi non parla di sette volte, ma di cento volte tanto: “In verità vi dico: non c’è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi a causa mia e a causa del Vangelo, che non riceva già al presente cento volte tanto…”. E questo ci mette al nostro posto. E falsa la pretesa di dare a Dio senza voler ricevere niente, perché è Dio che dona per primo, ed è ancora lui che alla fine darà in sovrabbondanza. Noi siamo soltanto un po’ come specchi della generosità divina: ciò che abbiamo ricevuto lo possiamo dare in parte, per ricevere ancora di più.
Anche nella Messa viviamo questo atteggiamento.
Nell’Offertorio diciamo a Dio: “Ti presentiamo questi doni che abbiamo ricevuto dalle tue mani. Tu ci hai dato questo pane e questo vino e noi te li riportiamo con umile generosità, perché tu ci dia ancora di più, cioè non soltanto un pane materiale, ma un Pane di vita, non soltanto il vino frutto della vite, ma il Vino del regno eterno”. E questa la dinamica della nostra vita, che ci deve dare gioia sempre, perché siamo veramente coinvolti dalla generosità divina, che ci da affinché possiamo dare e ricevere ancora di più.

Martedì VIII Settimana Del Tempo Ordinario Anno Aultima modifica: 2017-02-25T19:21:50+01:00da angela1845
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento