Sabato Della XXXIII Settimana del Tempo Ordinario Anno C Lc 21,34-36 State attenti a voi stessi,.

Sabato Della XXXIV Settimana del Tempo Ordinario Anno C

Sabato Della XXXIV Settimana del Tempo Ordinario Anno C

State attenti a voi stessi.
Che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni…

TESTO:-

Sabato Della XXXIV Settimana del Tempo Ordinario Anno C
Dal Vangelo secondo Luca. (Lc 21,34-36)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all’improvviso; come un laccio infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra.
Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere e di comparire davanti al Figlio dell’uomo». Parola del Signore.

Sabato Della XXXIII Settimana del Tempo Ordinario Anno C Lc 21,34-36 State attenti a voi stessi,

RIFLESSIONI

Sabato Della XXXIV Settimana del Tempo Ordinario Anno C

Le parole di Gesù ci chiedono di essere pronti e vigilanti: l’ultimo giorno è vicino. Dunque bisogna prepararsi ad esso.
Questo avvertimento ci ricorda che esiste la Verità e che la nostra vita ha un senso profondo. Questa Verità è precisamente nostro Signore, che dà un fondamento alla nostra esistenza e che con la sua grazia illumina il nostro essere interiore. È a motivo di questo dono e del suo appello che è necessario che rimaniamo pronti e vigilanti.
Per questa ragione, il dovere della vigilanza è un imperativo primordiale in vista del mondo futuro. Ogni uomo ha il dovere di preoccuparsi della sua vita personale, in modo che la morte non lo colga in stato di peccato mortale. L’avvertimento, l’esortazione che costituisce questo brano di Vangelo si applica anche alla nostra situazione presente, all’importanza, al significato e al valore del tempo che viviamo.
Per comprendere nel modo giusto la fine del mondo, è necessario che non perdiamo di vista questo: il regno di Dio (il regno di Gesù) arriverà domani e la prossimità della sua venuta comporta un sovrappiù di tentazioni e un combattimento più grande; ma essa ci porta nello stesso tempo la speranza di avere parte alla risurrezione di Cristo. Nella nostra esistenza quaggiù, siamo simultaneamente portatori di segni di morte e di risurrezione. Per questo dobbiamo essere attenti alla parola di Gesù e impregnare di essa la nostra esistenza per non correre il rischio di essere condannati al momento del giudizio finale.

Sabato Della XXXIII Settimana del Tempo Ordinario Anno C Lc 21,34-36 State attenti a voi stessi

Sabato Della XXXIV Settimana del Tempo Ordinario Anno Cultima modifica: 2016-11-22T21:42:19+00:00da angela1845
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento