la_Parola_del_giorno6-642x336

Giovedì VII Settimana Del Tempo Ordinario Anno A

Giovedì VII Settimana Del Tempo Ordinario Anno A
San Policarpo
Dal Vangelo secondo Marco. (Mc 9,41-50)
Chi vi darà un bicchiere d’acqua nel mio nome
non perderà la sua ricompensa.

 TRSTO:-

Dal Vangelo secondo Marco. (Mc 9,41-50)
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Chiunque vi darà da bere un bicchiere d’acqua nel mio nome perché siete di Cristo, in verità io vi dico, non perderà la sua ricompensa.
Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, è molto meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare.
Se la tua mano ti è motivo di scandalo, tagliala: è meglio per te entrare nella vita con una mano sola, anziché con le due mani andare nella Geènna, nel fuoco inestinguibile. E se il tuo piede ti è motivo di scandalo, taglialo: è meglio per te entrare nella vita con un piede solo, anziché con i due piedi essere gettato nella Geènna. E se il tuo occhio ti è motivo di scandalo, gettalo via: è meglio per te entrare nel regno di Dio con un occhio solo, anziché con due occhi essere gettato nella Geènna, dove il loro verme non muore e il fuoco non si estingue.
Ognuno infatti sarà salato con il fuoco. Buona cosa è il sale; ma se il sale diventa insipido, con che cosa gli darete sapore? Abbiate sale in voi stessi e siate in pace gli uni con gli altri». Parola del Signore.

RIFLESSIONI

Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoliUn solo scandalo o di parola o di opera può distruggere un’intera generazione senza più rimedio. Più in alto, più influente, più nota, più universale è la persona e più universale sarà la sua azione o parola di scandalo. Lo scandalo di un papa può distruggere la Chiesa. Lo scandalo di un vescovo più annientare un’intera Diocesi. Quello di un parroco può mandare in rovina la parrocchia. Quello di una madre o di un padre l’intera famiglia. Quello di un professore una generazione di alunni. Per tutti vale la pena ricordare il nobile ragionamento di una persona insigne per amore verso le nuove generazioni. Questo esempio ci rivela tutta la potenza di luce che è in un cuore.
Un tale Eleàzaro, uno degli scribi più stimati, uomo già avanti negli anni e molto dignitoso nell’aspetto della persona, veniva costretto ad aprire la bocca e a ingoiare carne suina. Ma egli, preferendo una morte gloriosa a una vita ignominiosa, s’incamminò volontariamente al supplizio, sputando il boccone e comportandosi come conviene a coloro che sono pronti ad allontanarsi da quanto non è lecito gustare per attaccamento alla vita. Quelli che erano incaricati dell’illecito banchetto sacrificale, in nome della familiarità di antica data che avevano con quest’uomo, lo tirarono in disparte e lo pregarono di prendere la carne di cui era lecito cibarsi, preparata da lui stesso, e fingere di mangiare le carni sacrificate imposte dal re, perché, agendo a questo modo, sarebbe sfuggito alla morte e avrebbe trovato umanità in nome dell’antica amicizia che aveva con loro. Ma egli, facendo un nobile ragionamento, degno della sua età e del prestigio della vecchiaia, della raggiunta veneranda canizie e della condotta irreprensibile tenuta fin da fanciullo, ma specialmente delle sante leggi stabilite da Dio, rispose subito dicendo che lo mandassero pure alla morte.
«Poiché – egli diceva – non è affatto degno della nostra età fingere, con il pericolo che molti giovani, pensando che a novant’anni Eleàzaro sia passato alle usanze straniere, a loro volta, per colpa della mia finzione, per appena un po’ più di vita, si perdano per causa mia e io procuri così disonore e macchia alla mia vecchiaia. Infatti, anche se ora mi sottraessi al castigo degli uomini, non potrei sfuggire, né da vivo né da morto, alle mani dell’Onnipotente. Perciò, abbandonando ora da forte questa vita, mi mostrerò degno della mia età e lascerò ai giovani un nobile esempio, perché sappiano affrontare la morte prontamente e nobilmente per le sante e venerande leggi». Dette queste parole, si avviò prontamente al supplizio. he ve lo trascinavano, cambiarono la benevolenza di poco prima in avversione, ritenendo che le parole da lui pronunciate fossero una pazzia. Mentre stava per morire sotto i colpi, disse tra i gemiti: «Il Signore, che possiede una santa scienza, sa bene che, potendo sfuggire alla morte, soffro nel corpo atroci dolori sotto i flagelli, ma nell’anima sopporto volentieri tutto questo per il timore di lui». In tal modo egli morì, lasciando la sua morte come esempio di nobiltà e ricordo di virtù non solo ai giovani, ma anche alla grande maggioranza della nazione (2Mac 6,18-31).
Se non si è pieni di Spirito Santo, non si vede la potenza devastatrice dello scandalo. A volte anche una sola parola può rovinare un cuore, lo può orientare verso il male. Di questa parola di scandalo siamo responsabili per l’eternità. Per noi uno si è perso.
Gesù è esigente verso i suoi discepoli. Chiede ad ognuno di evitare ad ogni costo che diano scandalo. Un solo scandalo potrà rovinare la sua stessa Croce. Il suo mistero di salvezza può andare in frantumi per una sola parola fuori luogo, fuori tempo, fuori contesto. Il discepolo di Gesù eviterà ogni scandalo se è nella comunione dello Spirito.
Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, dateci una prudenza somma.

Giovedì VII Settimana Del Tempo Ordinario Anno Aultima modifica: 2017-02-25T12:02:28+00:00da angela1845
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento