avvisi-mena-07-13102013-5-638

XXXI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO ANNO C Lc 19,1-10

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Luca. (Lc 19,1-10)
In quel tempo, Gesù entrò nella città di Gèrico e la stava attraversando, quand’ecco un uomo, di nome Zacchèo, capo dei pubblicani e ricco, cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là.
Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zacchèo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!».
Ma Zacchèo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto».
Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto». Parola del Signore.

RIFLESSIONI 

L’inspiegabile pazienza di Dio
Dio prova gioia per tutte le cose che ha creato. Sono buone. Nascono dal suo cuore. Rispecchiano la sua bellezza. Sono una strada semplice per risalire dalle meraviglie uscite dalle sue mani fino a Lui, l’artista ineguagliabile e unico, il Dio della bellezza.
L’uomo ha ricevuto in dono una creazione così stupenda, ricca, solidale. Lui stesso capolavoro della creazione fatto a immagine e somiglianza di Dio, destinato all’amore verso il suo Padre e Creatore. Nonostante la bontà che Dio ha manifestato nell’uomo, la sua creatura è propensa a sbagliare, a peccare, ad allontanarsi da Dio, a sentirsi autosufficiente.
Dio ha fallito la sua opera?
Il peccato dell’uomo non scoraggia la compassione di Dio, la sua misericordia, la sua paternità. La tenerezza inguaribile del suo cuore porta Dio a chiudere gli occhi sui peccati degli uomini, aspettando il loro pentimento.
Dio ama la vita, la vita dell’uomo gli è particolarmente cara. Dalla dolcezza del Suo Cuore scaturisce la sua pazienza, che aspetta instancabile il pentimento dell’uomo. Dio non si perde d’animo. Non si ritira nella sua irritazione. Corregge piuttosto, a poco a poco, quelli che sbagliano. E’ uno stile di misericordia che ognuno di noi deve imparare. Noi pretendiamo da chi sbaglia, una conversione istantanea. Lo flagelliamo con il nostro giudizio. Lo escludiamo dalle nostre congreghe. Dio lo corregge, a poco a poco, perché, andando oltre la malizia del peccato, creda in lui e nel suo amore. Anche con ciascuno di noi Dio si comporta in questo modo. Ha con noi più pazienza di quanta ne abbiamo noi con noi stessi.
Accoglie i nostri cambiamenti graduali. Sa attendere. Noi pretendiamo di essere subito perfetti e inevitabilmente ci rintaniamo dentro i nostri fallimenti e le nostre amare disperazioni.
Dio ci vuole manifestare un amore fatto di attesa e di comprensione. Anche se noi non ci lasciamo amare.
Dio vuole camminare al nostro passo, anche se lento e stanco. Noi pretendiamo di arrivare prima di lui all’amore verso di lui.
Siamo creature strane che non sentono il bisogno umile di lasciarsi accogliere da Dio, alla maniera di Dio.
Zaccheo ha capito questo segreto di un Dio lento all’ira e ricco di misericordia. Ha sentito dire che Gesù accoglie i peccatori e i pubblicani. Questa notizia prende talmente il suo cuore che non vede l’ora di incontrare il Signore.
Chi è questo Gesù di Nazareth che perdona i peccati e restituisce ad una vita nuova?
Non ha paura di manifestare il desiderio intenso e controcorrente di vedere Gesù, diventando bambino che si arrampica sull’albero pur di incontrarne lo sguardo.
L’arrampicarsi sull’albero è un gesto semplice e infantile. Esprime il bisogno di conversione che inizia a farsi strada. Gli appare come l’occasione della vita per fissare il suo sguardo in quello di Gesù. E’ sconvolto dall’amore. Gesù, col cuore e con gli occhi, vede, nello sguardo di questo piccolo truffaldino che ha fatto soffrire tanta gente, una novità. Lo chiama: Scendi Zaccheo. Oggi vengo a casa tua. Zaccheo, col cuore in subbuglio, scende subito dall’albero e prepara la strada della sua casa e la casa del suo cuore alla venuta di Gesù che ormai lo ha scelto. Zaccheo, oggi nella tua casa, nella tua vita è entrata la dolce inondazione dell’amore di Dio. A che cosa servono le parole cattive dei così detti giusti e buoni che, con malanimo, giudicano il Signore? Servono soltanto a dilatare il cuore del Signore che opera un cambiamento di vita nel peccatore pentito. L’amore di Gesù non si ferma. Conquista definitivamente il cuore di Zaccheo. La misericordia di Gesù gli restituisce un cuore di carne. Il suo abbraccio d’amore gli ridona la capacità d’amare.
Se ho rubato a qualcuno, restituirò quattro volte tanto. Di tutto ciò che rimane nei miei forzieri metà appartiene ai poveri.
Oggi la casa di Zaccheo brilla di salvezza e il cuore di Gesù brilla di infinita compassione. Gesù, in realtà, è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto. A cercare. Perché Dio non può stare senza andare alla ricerca della pecora smarrita.
Sa aspettare il figlio perduto, sulla soglia di casa come una sentinella che veglia giorno e notte. Dio cerca e cercando trova e trovando salva. L’Amore restituisce l’amore a chi ne aveva perso le tracce.
Gesù, infinite volte ho sperimentato la tua pazienza, nel correggermi a poco a poco. La mia reazione è stata spesso di insofferenza. Come se tu mi sottovalutassi. Come se tu pensassi che io non avrei potuto camminare con le mie gambe; eppure sapevo bene, Gesù, quante volte la mia illusione era stata una trappola per la mia vita. Gesù, oggi capisco che devo lasciarmi guardare da te. Che devo lasciarmi guarire da te. Che devo rispondere, con la gioia di chi è amato, alla gradualità delle tue richieste.
Gesù tu non mi domandi mai più di quello che posso. Sai attendere, ma non eserciti su di me alcuna violenza. Nemmeno per volermi portare al bene. Gesù, tu aspetti la decisione del mio cuore, e quando mi avvicino a te per riconoscere i miei peccati, tu ti commuovi per la gioia: finalmente il tuo amore ha fatto breccia dentro di me.
Gesù, mi sento come Pietro. Tu gli domandi se sa darti tutto l’amore. Lui non sa rispondere altro se non: Ti voglio bene.
Non so quanto tempo ancora, o Gesù, resterò in questa condizione del mio cuore lento.
Di una cosa sono certo: tu, Gesù, non ti allontanerai mai, non ti pentirai mai di me, amante povero e mediocre.
Sono sicuro che ad ogni piccolo passo, ti troverò accanto a me. Felice. Perché quel piccolo passo è una resa al tuo amore.
Gesù, aiutami ad accettare le mie lentezze.
Gesù, aiutami a desiderare un passo più celere.
Gesù, aiutami, sempre, ad amare te che accogli sia il passo spedito come quello insicuro e vacillante.
Tu, Gesù, sai essere solo così. (Don Mario Simula)

XXXI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO ANNO C Lc 19,1-10ultima modifica: 2019-11-02T21:35:06+01:00da angelaurgese20
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento