la_Parola_del_giorno6-642x336

Venerdì XII settimana del Tempo Ordinario Anno A

Venerdì della XII settimana del Tempo Ordinario Anno A
Dal Vangelo secondo Matteo. (Mt 8,1-4)
Signore, se vuoi, puoi purificarmi Lo voglio: sii purificato.

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Matteo. (Mt 8,1-4)

Quando Gesù scese dal monte, molta folla lo seguì.
Ed ecco, si avvicinò un lebbroso, si prostrò davanti a lui e disse: «Signore, se vuoi, puoi purificarmi».
Tese la mano e lo toccò dicendo: «Lo voglio: sii purificato!». E subito la sua lebbra fu guarita.
Poi Gesù gli disse: «Guàrdati bene dal dirlo a qualcuno; va’ invece a mostrarti al sacerdote e presenta l’offerta prescritta da Mosè come testimonianza per loro». Parola del Signore.

RIFLESSIONI

Tutta la Sacra Scrittura parla del mistero di Cristo, della sua passione e risurrezione. “Dio afferma la Dei Verbum al n. 16 ha sapientemente disposto che il Nuovo Testamento fosse nascosto nell’Antico e l’Antico diventasse chiaro nel Nuovo… I Libri dell’Antico Testamento, integralmente assunti nella predicazione evangelica, acquistano e manifestano il loro pieno significato nel Nuovo, che essi illuminano e spiegano”.
Così la prima lettura di oggi parla della risurrezione. Paolo nella lettera ai Romani spiega che Abramo, credendo all’annuncio della nascita di Isacco, credette senza saperlo nella risurrezione di Cristo, perché lui e Sara erano vecchi, “quasi morti”, eppure egli credette che Dio, da due esseri così avanzati in età, poteva suscitare un figlio, Isacco, che è profezia e promessa della risurrezione.
Anche il Vangelo è un annuncio di risurrezione. Gesù tocca un lebbroso e lo guarisce: “Gesù stese la mano e lo toccò… e subito la lebbra scomparve”. Quel toccare il lebbroso, considerato peccatore, impuro, tanto da rendere impuro chi venisse inavvertitamente in contatto con lui, è simbolo della passione di Cristo. Gesù, facendosi uomo, ha toccato veramente la nostra lebbra; si è presentato nella sua passione come “leprosum”, peccatore per noi e in cambio, con la sua morte e risurrezione, sorgente di vita, ci ha dato la guarigione.
Avviciniamoci fiduciosamente all’Eucaristia con le nostre lebbre, con la nostra morte, perché Gesù ci vivifichi. Ogni Messa ci deve “rimettere in piedi”, pronti al servizio dei fratelli, grazie alla risurrezione di Gesù.

Venerdì XII settimana del Tempo Ordinario Anno Aultima modifica: 2017-06-30T21:19:42+02:00da angela1845
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento