la_Parola_del_giorno6-642x336

Venerdì IV Settimana Del Tempo Ordinario Anno A

Venerdì Della IV Settimana Del Tempo Ordinario Anno A
Erodìade lo odiava e voleva farlo morire.
Giovanni infatti diceva a Erode.
Non ti è lecito tenere la moglie di tuo fratello.

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Marco. (Mc 6,14-29)
In quel tempo, il re Erode sentì parlare di Gesù, perché il suo nome era diventato famoso. Si diceva: «Giovanni il Battista è risorto dai morti e per questo ha il potere di fare prodigi». Altri invece dicevano: «È Elìa». Altri ancora dicevano: «È un profeta, come uno dei profeti». Ma Erode, al sentirne parlare, diceva: «Quel Giovanni che io ho fatto decapitare, è risorto!».
Proprio Erode, infatti, aveva mandato ad arrestare Giovanni e lo aveva messo in prigione a causa di Erodìade, moglie di suo fratello Filippo, perché l’aveva sposata. Giovanni infatti diceva a Erode: «Non ti è lecito tenere con te la moglie di tuo fratello». Per questo Erodìade lo odiava e voleva farlo uccidere, ma non poteva, perché Erode temeva Giovanni, sapendolo uomo giusto e santo, e vigilava su di lui; nell’ascoltarlo restava molto perplesso, tuttavia lo ascoltava volentieri.
Venne però il giorno propizio, quando Erode, per il suo compleanno, fece un banchetto per i più alti funzionari della sua corte, gli ufficiali dell’esercito e i notabili della Galilea. Entrata la figlia della stessa Erodìade, danzò e piacque a Erode e ai commensali. Allora il re disse alla fanciulla: «Chiedimi quello che vuoi e io te lo darò». E le giurò più volte: «Qualsiasi cosa mi chiederai, te la darò, fosse anche la metà del mio regno». Ella uscì e disse alla madre: «Che cosa devo chiedere?». Quella rispose: «La testa di Giovanni il Battista». E subito, entrata di corsa dal re, fece la richiesta, dicendo: «Voglio che tu mi dia adesso, su un vassoio, la testa di Giovanni il Battista». Il re, fattosi molto triste, a motivo del giuramento e dei commensali non volle opporle un rifiuto.
E subito il re mandò una guardia e ordinò che gli fosse portata la testa di Giovanni. La guardia andò, lo decapitò in prigione e ne portò la testa su un vassoio, la diede alla fanciulla e la fanciulla la diede a sua madre. I discepoli di Giovanni, saputo il fatto, vennero, ne presero il cadavere e lo posero in un sepolcro. Parola del Signore.

RIFLESSIONI

Che cosa devo chiedere?
Una parola ti salva, una parola ti uccide. Per una sola parola può cambiare il corso della storia. Si fa un domanda, si dona una risposta di odio: viene tagliata la testa a Giovanni il Battista. Questo evento deve insegnarci che ognuno, prima di proferire una sola parola, deve pesarne tutti gli effetti positivi e negativi e anche che dobbiamo essere capaci di ogni discernimento prima di accogliere una parola dell’altro nel nostro cuore. Come la salvezza è dalla parola, così anche la perdizione. Solo Dio potrà difenderci dalla lingua malvagia. Questa è la verità rivelata nella Scrittura Santa.
Ecco, recingi pure la tua proprietà con siepe spinosa, e sulla tua bocca fa’ porta e catenaccio. Metti sotto chiave l’argento e l’oro, ma per le tue parole fa’ bilancia e peso. Sta’ attento a non scivolare a causa della lingua, per non cadere di fronte a chi ti insidia (Sir 28,13-26).
Nella casa di Erode Dio non regna. Né regna nel cuore dei presenti. Stolto è il re, stolti i commensali, stolta la figlia con la madre. L’unico in cui regna il Signore è Giovanni il Battista. Non lo libera dalla lingua malvagia perché vuole fare di lui un grande martire.
Oggi le parole vengono moltiplicate all’infinito attraverso una miriade di casse di risonanza. Ognuno è responsabile non solo di ogni parola da lui direttamente proferita, ma anche di ogni altra riferita, interpretata, commentata, alterata, trasformata. Ognuno è obbligato a non dare spazio ad interpretazioni errate della sua parola. Deve essere sempre puntuale nel dire, nell’insegnare, nel dialogare. Tutti però siamo obbligati a operare un serio discernimento in modo che ad ogni parola non vera detta dall’altro non venga dato alcuno spazio perché possa entrare in altri cuori.
Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, fateci persone dalla parola vera.

Venerdì IV Settimana Del Tempo Ordinario Anno Aultima modifica: 2017-01-26T20:57:05+01:00da angela1845
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento