Osservate ciò che dicono, ma non agite secondo le loro opere.

Sabato della XX settimana del Tempo Ordinario Anno C

Sulla cattedra di Mosè si sono seduti gli scribi e i farisei.
Osservate ciò che dicono, ma non agite secondo le loro opere.

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 23,1-12)

In quel tempo, Gesù si rivolse alla folla e ai suoi discepoli dicendo:
«Sulla cattedra di Mosè si sono seduti gli scribi e i farisei. Praticate e osservate tutto ciò che vi dicono, ma non agite secondo le loro opere, perché essi dicono e non fanno. Legano infatti fardelli pesanti e difficili da portare e li pongono sulle spalle della gente, ma essi non vogliono muoverli neppure con un dito.
Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dalla gente: allargano i loro filattèri e allungano le frange; si compiacciono dei posti d’onore nei banchetti, dei primi seggi nelle sinagoghe, dei saluti nelle piazze, come anche di essere chiamati “rabbì” dalla gente.
Ma voi non fatevi chiamare “rabbì”, perché uno solo è il vostro Maestro e voi siete tutti fratelli. E non chiamate “padre” nessuno di voi sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello celeste. E non fatevi chiamare “guide”, perché uno solo è la vostra Guida, il Cristo.
Chi tra voi è più grande, sarà vostro servo; chi invece si esalterà, sarà umiliato e chi si umilierà sarà esaltato». Parola del Signore.

RIFLESSIONI

Chiaramente qui Gesù si riferisce agli scribi e ai farisei, erano dirette a loro le sue disapprovazioni verso queste false guide morali, sempre pronte ad accusare chi commetteva anche un piccolo errore e a giustificare i loro crimini.
Non meritavano l’appellativo di guide o rabbì o padre. Erano lo scandalo più forte presente nella religione ebraica e la loro instabilità fuorviava il popolo.

Il rischio c’è, siamo onesti. È un rischio che corre ogni esperienza religiosa: quello di inaridirsi, di irrigidirsi, di scordare l’essenziale ed appiattirsi sul superfluo. Così, Gesù giudica duramente l’atteggiamento dei farisei, dei dottori della Legge, degli scribi di cui, pure, riconosce l’autorevolezza, invitando a seguirne gli insegnamenti, ma non le opere. Quanto è vero, amici! La ragione per cui molte persone non credono nel Signore non è proprio la nostra incoerenza? E noi cristiani, a volte, non smentiamo con la nostra vita le parole che professiamo? Tutti noi abbiamo incontrato dei cristiani ferventi che, nella realtà delle situazioni, si rivelano delle pessime persone! Predicano misericordia e giudicano impietosamente. Parlano di servizio e si fanno gli affari propri. Dedicano tempo a Dio e sono scortesi e avari con gli uomini. Che grande responsabilità che è data, amici! E Gesù ci illustra come vivere in coerenza: non ostentando la fede, non prendendoci per maestri e dottori, capaci di calare nel quotidiano la Parola che ci scruta e ci giudica, vivendo in un atteggiamento di servizio reciproco. Viviamo la nostra giornata all’insegna della verità del vangelo!

Sabato della XX settimana del Tempo Ordinario Anno Cultima modifica: 2016-08-20T15:05:55+02:00da angela1845
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento