la_Parola_del_giorno6-642x336

Martedì XXV settimana del Tempo Ordinario Anno A

Martedì della XXV settimana del Tempo Ordinario Anno A
Dal Vangelo secondo Luca. (Lc 8,19-21)
Mia madre e miei fratelli sono questi:
chi ascoltano la parola di Dio e la mette in pratica.

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Luca. (Lc 8,19-21)
In quel tempo, andarono da Gesù la madre e i suoi fratelli, ma non potevano avvicinarlo a causa della folla.
Gli fecero sapere: «Tua madre e i tuoi fratelli stanno fuori e desiderano vederti».
Ma egli rispose loro: «Mia madre e miei fratelli sono questi: coloro che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica». Parola del Signore.

RIFLESSIONI

La Sacra Scrittura parla della “casa di Dio”, il Vangelo della famiglia di Gesù, ed è facile vedere il rapporto, poiché nella Sacra Scrittura la parola “casa” può significare sia un edificio sia una famiglia. Per esempio, quando la Bibbia parla della “casa di Davide” può essere la sua abitazione, ma più spesso si tratta della famiglia, della stirpe di Davide.
Secondo le parole di Gesù, se noi ascoltiamo la parola di Dio e la mettiamo in pratica, diventiamo suoi fratelli, anzi sua madre, formiamo cioè la sua famiglia: siamo la “casa di Dio”, cioè nello stesso tempo la sua famiglia e il suo tempio. Si realizza così il progetto di Dio di abitare con gli uomini, non soltanto in mezzo a loro, ma in loro e di unirli tutti in un’alleanza che fa di essi un unico edificio, un’unica famiglia e addirittura un unico corpo, il corpo di Cristo.
Sentiamo risuonare le parole della Sacra Scrittura: “Mia delizia è stare coi figli degli uomini”; “Ecco verranno giorni nei quali con la casa di Israele e con la casa di Giuda io concluderò un’alleanza nuova. Porrò la mia legge nel loro animo, la scriverò nel loro cuore. Allora io sarò il loro Dio ed essi il mio popolo” (Ger 31,31.32); “E il Verbo si fece carne e venne ad abitare m mezzo a noi” (Gv 1, 14). E ancora: “Stringendovi a lui, pietra viva,… anche voi venite impiegati come pietre vive per la costruzione di un edificio spirituale” (1 Pt 2,45); “Voi non siete più stranieri né ospiti, ma siete concittadini dei santi e familiari di Dio… Voi insieme con gli altri venite edificati per diventare dimora di Dio” (Ef 2, 19.22); “Ora voi siete corpo di Cristo e sue membra, ciascuno per la sua parte” (1 Cor 12,27). Dalla profezia alla realizzazione: attraverso i secoli Dio ha fatto intravedere il suo meraviglioso disegno fino alla sua realizzazione nella pienezza dei tempi.
Tutte le nostre azioni devono tendere a questo scopo: formare il tempio di Dio, la famiglia di Dio, il corpo di Cristo. Per giungere a questa meta il mezzo essenziale è ascoltare la parola di Dio, accogliere la parola di Dio che ci trasforma, facendo di noi pietre vive che possono entrare nella costruzione della casa di Dio. La parola di Dio è potenza di Dio ed è capace di assimilarci al suo progetto perché davvero possiamo “santificare il suo nome” essendo famiglia del Signore, corpo di Cristo.

Martedì XXV settimana del Tempo Ordinario Anno Aultima modifica: 2017-09-28T01:05:08+02:00da angela1845
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento