la_Parola_del_giorno6-642x336

Giovedì XVI settimana del Tempo Ordinario Anno A

Giovedì della XVI settimana del Tempo Ordinario Anno A
Dal Vangelo secondo Matteo. (Mt 13,10-17)
A voi è dato conoscere i misteri del regno dei cieli.

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Matteo. (Mt 13,10-17) 

In quel tempo, i discepoli si avvicinarono a Gesù e gli dissero: «Perché a loro parli con parabole?».
Egli rispose loro: «Perché a voi è dato conoscere i misteri del regno dei cieli, ma a loro non è dato. Infatti a colui che ha, verrà dato e sarà nell’abbondanza; ma a colui che non ha, sarà tolto anche quello che ha. Per questo a loro parlo con parabole: perché guardando non vedono, udendo non ascoltano e non comprendono.
Così si compie per loro la profezia di Isaìa che dice:
“Udrete, sì, ma non comprenderete,
guarderete, sì, ma non vedrete.
Perché il cuore di questo popolo è diventato insensibile,
sono diventati duri di orecchi
e hanno chiuso gli occhi,
perché non vedano con gli occhi,
non ascoltino con gli orecchi
e non comprendano con il cuore
e non si convertano e io li guarisca!”.
Beati invece i vostri occhi perché vedono e i vostri orecchi perché ascoltano. In verità io vi dico: molti profeti e molti giusti hanno desiderato vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono!». Parola del Signore.

RIFLESSIONI

“Dio, che aveva già parlato nei tempi antichi molte volte e in diversi modi ai padri,… ultimamente ha parlato a noi per mezzo del Figlio”. Sul Sinai parla attraverso lo sconvolgimento della natura: “Ci furono tuoni, lampi, una nube densa sul monte e un suono fortissimo di tromba… il monte Sinai era tutto tremante… il suono della tromba diventava sempre più intenso: Mosè parlava e Dio gli rispondeva con voce di tuono”. Nel Vangelo invece Gesù parla con semplicità, in modo umano, a volte esplicitamente, a volte con parabole, secondo le categorie dei suoi ascoltatori.
In qualunque forma la voce di Dio si faccia udire, è fondamentale essere attenti, con cuore docile. Gesù esprime chiaramente la condanna per chi si chiude alla sua parola: “A loro non è dato conoscere i misteri del regno dei cieli”, perché “il loro cuore si è indurito, son diventati duri d’orecchi e hanno chiuso gli occhi, per non vedere e non sentire”. E tanto facile essere duri d’orecchio verso il Signore, quando altre voci ci lusingano e altri rumori ci piacciono di più. E non ci accorgiamo che sono proprio solo “rumori”, aria in movimento, senza contenuto.
Chiediamogli la grazia di saper sempre udire e seguire la sua voce, per avere la beatitudine che egli ha promesso: “Beati i vostri occhi perché vedono e i vostri orecchi perché sentono! In verità vi dico: molti profeti e giusti hanno desiderato ascoltare quello che voi ascoltate”.
Non capiremo mai abbastanza quanto sia grande il dono che Dio ci ha fatto con la sua parola scritta e con la sua parola vivente, Gesù, verbo del Padre.

Giovedì XVI settimana del Tempo Ordinario Anno Aultima modifica: 2017-07-25T23:25:59+02:00da angela1845
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento