la_Parola_del_giorno6-642x336

Venerdì XXVI settimana del Tempo Ordinario Anno A

Venerdì della XXVI settimana del Tempo Ordinario Anno A
Dal Vangelo secondo Luca. (Lc 10,13-16)
Chi disprezza me, disprezza colui che mi ha mandato.

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Luca. (Lc 10,13-16)

In quel tempo, Gesù disse:
«Guai a te, Corazìn, guai a te, Betsàida! Perché, se a Tiro e a Sidòne fossero avvenuti i prodigi che avvennero in mezzo a voi, già da tempo, vestite di sacco e cosparse di cenere, si sarebbero convertite. Ebbene, nel giudizio, Tiro e Sidòne saranno trattate meno duramente di voi.
E tu, Cafàrnao, sarai forse innalzata fino al cielo? Fino agli inferi precipiterai!
Chi ascolta voi ascolta me, chi disprezza voi disprezza me. E chi disprezza me, disprezza colui che mi ha mandato». Parola del Signore.

RIFLESSIONI

La lettura odierna ci parla di disobbedienza alla legge di Dio, del peccato. Ogni cristiano, se vuol essere fedele a Gesù, deve soffrire per i peccati che si commettono in tutto il mondo e unirsi alla preghiera del profeta Baruc: “Al Signore nostro Dio la giustizia, a noi il disonore sul volto”. E una preghiera ispirata dalla catastrofe nazionale che ha annientato il popolo giudeo e provocato l’esilio. Allora i Giudei hanno considerato la loro vita e confessato davanti al Signore la loro infedeltà: “Abbiamo offeso il Signore, gli abbiamo disobbedito, noti abbiamo ascoltato la voce del Signore nostro Dio”. Questa è una bellissima preghiera, ispirata dallo Spirito Santo. Confessare davanti al Signore le umane infedeltà, senza separarci dai peccatori, ma mettendoci con loro per confessare davanti a Dio che siamo indegni dei suoi benefici, che non siamo obbedienti alla sua voce: possiamo con verità fare questa preghiera, pensando a tutte le ingiustizie che ci sono nel mondo, all’odio che qua e là esplode con ferocia inumana mietendo vittime innocenti, alla corruzione, ai poveri che continuano ad essere oppressi, ai ricchi che vogliono esserlo sempre di più, all’immoralità di ogni genere. Noi dobbiamo farci carico di tutto questo, non con l’angoscia che deprime, ma con la solidarietà che condivide e che vuole, con Gesù, portare il peccato del mondo. Allora ci verrà incontro la compassione divina, come prega il salmo 50: “Fino a quando Signore, sarai adirato? Presto ci venga incontro la tua misericordia, perché siamo troppo infelici. Aiutaci, Dio, nostra salvezza, per la gloria del tuo nome, salvaci e perdona i nostri peccati per amore del tuo nome”.

Venerdì XXVI settimana del Tempo Ordinario Anno Aultima modifica: 2017-10-06T21:17:19+00:00da angela1845
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento