la_Parola_del_giorno6-642x336

Mercoledì XXIV settimana del Tempo Ordinario Anno A

Mercoledì della XXIV settimana del Tempo Ordinario Anno A
Dal Vangelo secondo Luca. (Lc 7,31-35)
Ma la Sapienza è stata riconosciuta
giusta da tutti i suoi figli.

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Luca. (Lc 7,31-35)

In quel tempo, il Signore disse:
«A chi posso paragonare la gente di questa generazione? A chi è simile? È simile a bambini che, seduti in piazza, gridano gli uni agli altri così:
“Vi abbiamo suonato il flauto e non avete ballato,
abbiamo cantato un lamento e non avete pianto!”.
È venuto infatti Giovanni il Battista, che non mangia pane e non beve vino, e voi dite: “È indemoniato”. È venuto il Figlio dell’uomo, che mangia e beve, e voi dite: “Ecco un mangione e un beone, un amico di pubblicani e di peccatori!”.
Ma la Sapienza è stata riconosciuta giusta da tutti i suoi figli». Parola del Signore.

RIFLESSIONI

Ma la Sapienza è stata riconosciuta giusta da tutti i suoi figli. Lc 7, 35 “Gesù e la sapienza”.
Luca ci narra di un Gesù sempre in movimento: di paese in paese, dal nord della Palestina, attraverso la Samaria, fino a Gerusalemme. Un muoversi mirato, motivato dal desiderio di raggiungere il cuore delle situazioni che vincolano o liberano l’uomo. Abbiamo visto Gesù affrontare la malattia e la morte. Oggi egli constata e si ferma sulle bizze dell’uomo! Un atteggiamento infantile, logico da ritrovarsi nei bambini, fuori luogo negli adulti che manifesta quel non essere mai contenti, mai soddisfatti di nulla. Quella propensione a vedere il negativo dappertutto e criticare chiunque e qualunque cosa, perennemente alla ricerca dell’isola che non c’è. Lo scuotimento di cui sono intrise le parole di Gesù, vuole che si aprano gli occhi sulla Sapienza. Scritta con la S maiuscola, questa citazione ci rimanda al libro scritto pochi decenni prima della nascita di Gesù, oggi l’ultimo dell’antico testamento, il libro che parla della personificazione della sapienza che testimonia al mondo che Dio ha fatto l’uomo a sua immagine, per l’immortalità. Sono i figli che hanno nel loro DNA la capacità di riconoscere la Sapienza e di goderne la giustizia.
Signore donaci la sapienza e fa’ che le nostre scelte, le nostre interpretazioni siano sempre in sintonia con la tua giustizia.

Mercoledì XXIV settimana del Tempo Ordinario Anno Aultima modifica: 2017-09-20T21:17:22+00:00da angela1845
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento