Gesù è il Signore del sabato

Martedì della XVII settimana del Tempo Ordinario Anno c

Gesù spiegaci la parabola della zizzania nel campo.
Chi ha orecchi da intendere intenda.

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 13,36-43)
In quel tempo, Gesù congedò la folla ed entrò in casa; i suoi discepoli gli si avvicinarono per dirgli: «Spiegaci la parabola della zizzania nel campo».
Ed egli rispose: «Colui che semina il buon seme è il Figlio dell’uomo. Il campo è il mondo e il seme buono sono i figli del Regno. La zizzania sono i figli del Maligno e il nemico che l’ha seminata è il diavolo. La mietitura è la fine del mondo e i mietitori sono gli angeli. Come dunque si raccoglie la zizzania e la si brucia nel fuoco, così avverrà alla fine del mondo. Il Figlio dell’uomo manderà i suoi angeli, i quali raccoglieranno dal suo regno tutti gli scandali e tutti quelli che commettono iniquità e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti. Allora i giusti splenderanno come il sole nel regno del Padre loro. Chi ha orecchi, ascolti!». Parola del Signore.

RIFLESSIONE

Gesù, ancora, spiega una parabola ai suoi. Non dev’essere così semplice capire la Parola se gli apostoli stessi inciampano nella comprensione! Tutti noi sperimentiamo come, nella nostra vita, nella Chiesa, il buon grano seminato a piene mani dal seminatore che è Dio, cresce fianco a fianco con la zizzania…La nostra tentazione è di fare come gli zelanti servi della parabola: strappare tutto e fare un bel falò. Il padrone, prudentemente, ci ammonisce: corriamo il rischio di perdere il buon grano, nel tentativo di strappare l’erba malvagia, meglio aspettare. Ma quanto fatichiamo! Quanto soffriamo nel dover convivere quotidianamente con i nostri difetti! Come vorremmo, in totale e assoluta verità, poterci liberare delle nostre ombre! E di quelle della Chiesa! Per potere presentarci a Dio senza macchia, con una vita corrispondente al nostro desiderio di santità! No, ammonisce il Signore: meglio per noi dimorare nell’umiltà, crescere nella pazienza. La parte oscura delle nostre vite, seminata nel cuore dall’avversario, cresce accanto al buon grano: ciò che a noi è chiesto è di evitare che soffochi in noi la parte luminosa.

Martedì della XVII settimana del Tempo Ordinario Anno cultima modifica: 2016-07-26T14:40:34+00:00da angela1845
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento