la_Parola_del_giorno6-642x336

Lunedì VIII Settimana Del Tempo Ordinario Anno A

Lunedì VIII Settimana Del Tempo Ordinario Anno A
Dal Vangelo secondo Marco. (Mc 10,17-27)
Impossibile agli uomini, ma non a Dio!

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Marco. (Mc 10,17-27)

In quel tempo, mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro e, gettandosi in ginocchio davanti a lui, gli domandò: «Maestro buono, che cosa devo fare per avere in eredità la vita eterna?». Gesù gli disse: «Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, se non Dio solo. Tu conosci i comandamenti: “Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non testimoniare il falso, non frodare, onora tuo padre e tua madre”».
Egli allora gli disse: «Maestro, tutte queste cose le ho osservate fin dalla mia giovinezza». Allora Gesù fissò lo sguardo su di lui, lo amò e gli disse: «Una cosa sola ti manca: va’, vendi quello che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro in cielo; e vieni! Seguimi!». Ma a queste parole egli si fece scuro in volto e se ne andò rattristato; possedeva infatti molti beni.
Gesù, volgendo lo sguardo attorno, disse ai suoi discepoli: «Quanto è difficile, per quelli che possiedono ricchezze, entrare nel regno di Dio!». I discepoli erano sconcertati dalle sue parole; ma Gesù riprese e disse loro: «Figli, quanto è difficile entrare nel regno di Dio! È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio». Essi, ancora più stupiti, dicevano tra loro: «E chi può essere salvato?». Ma Gesù, guardandoli in faccia, disse: «Impossibile agli uomini, ma non a Dio! Perché tutto è possibile a Dio». Parola del Signore.

RIFLESSIONI

Quest’uomo ricco che accorre a Gesù desidera entrare nel regno dei cieli e viene a lui perché gli insegni la via: è il modo giusto di incominciare. Gesù gli risponde ricordandogli i comandamenti di Dio e allora ci rendiamo conto che costui non solo ha ascoltato Dio, ma ha messo in pratica le sue leggi ed è quindi già sulla strada del regno. E per questo che Gesù gli propone una tappa ulteriore: “Allora Gesù, fissatolo, lo amò e gli disse: “Una cosa sola ti manca: va’, vendi quello che hai e dallo ai poveri e avrai un tesoro in cielo; poi vieni e seguimi””. E qui il cammino si arresta: “Egli, rattristatosi per quelle parole, se ne andò afflitto, poiché aveva molti beni”. Gli sembra impossibile lasciare quello che ha per prendere ciò che il Signore gli offre; manca di fede e non sa più ascoltare la parola del Signore, non sa più vedere che essa è una parola di amore. “Gesù, fissatolo, lo amò dice Marco e gli disse: Una sola cosa ti manca…”. Non è per impoverirlo che Gesù gli parla, non è per severità, ma per affetto, per amore e per renderlo veramente ricco. Gesù vuol aprirgli gli occhi e fargli vedere che la sua ricchezza è in verità una mancanza: “Una cosa sola ti manca: va’, vendi quello che hai… libera te stesso dallo ai poveri…”. Allora sarai ricco, perché quando avrai dato tutto avrai un tesoro in cielo. “Poi vieni e seguimi”. La proposta di Gesù è quella di entrare già ora nel regno, di avere già ora un tesoro nel cielo e, più ancora, di entrare nella sua intimità:
“Vieni e seguimi”. La ricchezza gli impedisce di seguire Gesù, è un peso che rallenta il suo passo, che lo ostacola.
È una lezione che dobbiamo sempre accogliere, perché molto sovente è la nostra “ricchezza” che ci impedisce di camminare, di avere in Gesù una fede totale, di capire che la sua è sempre una proposta d’amore; la nostra ricchezza che non è necessariamente fatta di beni materiali, ma di tante cose di ogni genere. Si può essere attaccati a letture, a spettacoli, a passatempi… che impediscono di essere disponibili ad ascoltare la parola di Dio e a seguirla. Siamo sempre chiamati a semplificare la nostra vita e a renderci conto che la nostra vera ricchezza è solo nel seguire Gesù.
Gesù riconosce che questo distacco è difficile: “Quanto difficilmente coloro che hanno ricchezze entreranno nel regno di Dio!” Ma vedendo l’inquietudine e l’angoscia dei discepoli egli stesso offre il mezzo, richiamandoli di nuovo alla fede. Il rimedio non è nella nostra forza, nei nostri tentativi umani, ma nell’aprirsi all’azione di Dio: “Impossibile presso gli uomini, ma non presso Dio! Perché tutto è possibile presso Dio”.
E rieccoci al punto di partenza. È sempre qui che bisogna tornare in ogni difficoltà, si tratti di un ostacolo da superare, di un peso da sopportare o di un peso di cui dobbiamo liberarci: l’uomo non può riuscirci, ma ci riesce Dio in lui, se egli ha fede. L’ultima parola del Vangelo odierno è anche l’ultima parola dell’Angelo a Maria: “Niente è impossibile a Dio”. Siamo così davanti all’esempio di Maria, che ascolta la parola che viene da Dio, l’ascolta nella sua povertà, nella sua umiltà e aderisce a questa affermazione fondamentale: “Tutto è possibile a Dio”.
L’essenziale è dunque ascoltare Dio, essere docile a Dio nella fede e camminare con fiducia sulla strada in cui Dio ci ha posto.

Lunedì VIII Settimana Del Tempo Ordinario Anno Aultima modifica: 2017-02-25T18:09:48+00:00da angela1845
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento