Lc 21,1-4   UNA VEDOVA POVERA, HA GETTATO TUTTO QUELLO CHE AVEVA PER

Lunedì Della XXXIV Settimana del Tempo Ordinario Anno C

Lunedì Della XXXIV Settimana del Tempo Ordinario Anno C 

I ricchi gettavano le loro offerte nel tesoro del tempio.
Una vedova povera, ha gettato tutto quello che aveva per vivere.

TESTO:-

Lunedì Della XXXIV Settimana del Tempo Ordinario Anno C

Dal Vangelo secondo Luca. (Lc 21,1-4)
In quel tempo, Gesù, alzàti gli occhi, vide i ricchi che gettavano le loro offerte nel tesoro del tempio.
Vide anche una vedova povera, che vi gettava due monetine, e disse: «In verità vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato più di tutti. Tutti costoro, infatti, hanno gettato come offerta parte del loro superfluo. Ella invece, nella sua miseria, ha gettato tutto quello che aveva per vivere». Parola del Signore.

RIFLESSIONI

Lunedì Della XXXIV Settimana del Tempo Ordinario Anno C

Gettavano le loro offerte nel tesoro del tempio
L’offerta per il tempio era una tradizione in Israele molto sentita. Impressa nella mente è la raccolta indetta da Davide per la prima costruzione del tempio di Gerusalemme.
Il re Davide disse a tutta l’assemblea: «Salomone, mio figlio, il solo che Dio ha scelto, è giovane e inesperto, mentre l’impresa è grandiosa, perché l’edificio non è per un uomo ma per il Signore Dio. Con tutta la mia forza ho fatto preparativi per il tempio del mio Dio; ho preparato oro su oro, argento su argento, bronzo su bronzo, ferro su ferro, legname su legname, ònici, brillanti, topazi, pietre di vario valore e pietre preziose e marmo bianco in quantità. Inoltre, per il mio amore per il tempio del mio Dio, quanto possiedo in oro e in argento lo dono per il tempio del mio Dio, oltre a quanto ho preparato per il santuario: tremila talenti d’oro, d’oro di Ofir, e settemila talenti d’argento raffinato per rivestire le pareti interne, l’oro per gli oggetti in oro, l’argento per quelli in argento e per tutti i lavori eseguiti dagli artefici. E chi vuole ancora riempire oggi la sua mano per fare offerte al Signore?». Fecero allora offerte i capi di casato, i capi delle tribù d’Israele, i comandanti di migliaia e di centinaia e i sovrintendenti agli affari del re. Essi diedero per l’opera del tempio di Dio cinquemila talenti d’oro, diecimila dàrici, diecimila talenti d’argento, diciottomila talenti di bronzo e centomila talenti di ferro. Quanti si ritrovarono in possesso di pietre preziose le diedero nelle mani di Iechièl il Ghersonita, perché fossero depositate nel tesoro del tempio del Signore. Il popolo gioì per queste loro offerte, perché erano fatte al Signore con cuore sincero; anche il re Davide gioì vivamente.
Davide benedisse il Signore sotto gli occhi di tutta l’assemblea. Davide disse: «Benedetto sei tu, Signore, Dio d’Israele, nostro padre, ora e per sempre. Tua, Signore, è la grandezza, la potenza, lo splendore, la gloria e la maestà: perché tutto, nei cieli e sulla terra, è tuo. Tuo è il regno, Signore: ti innalzi sovrano sopra ogni cosa. Da te provengono la ricchezza e la gloria, tu domini tutto; nella tua mano c’è forza e potenza, con la tua mano dai a tutti ricchezza e potere. Ed ora, nostro Dio, noi ti ringraziamo e lodiamo il tuo nome glorioso.
E chi sono io e chi è il mio popolo, per essere in grado di offrirti tutto questo spontaneamente? Tutto proviene da te: noi, dopo averlo ricevuto dalla tua mano, te l’abbiamo ridato. Noi siamo forestieri davanti a te e ospiti come tutti i nostri padri. Come un’ombra sono i nostri giorni sulla terra e non c’è speranza. Signore, nostro Dio, quanto noi abbiamo preparato per costruire una casa al tuo santo nome proviene da te ed è tutto tuo. So, mio Dio, che tu provi i cuori e ti compiaci della rettitudine. Io, con cuore retto, ho offerto spontaneamente tutte queste cose. Ora io vedo con gioia che anche il tuo popolo qui presente ti porta offerte spontanee. Signore, Dio di Abramo, di Isacco e d’Israele, nostri padri, custodisci per sempre questa disposizione come intimo intento del cuore del tuo popolo. Dirigi i loro cuori verso di te. A Salomone, mio figlio, concedi un cuore sincero, perché custodisca i tuoi comandi, le tue istruzioni e le tue norme, perché esegua tutto ciò e costruisca l’edificio per il quale io ho fatto i preparativi» (1Cro 29,1-19).
La donna, ammirata e posta come esempio da Gesù, si inserisce in questa tradizione di elargizione e di offerta perché la casa del Signore possa risplendere di grande luce. È la casa di Dio e deve essere necessariamente bella. Possiamo dire che questa vedova rinuncia alla sua stessa vita per dare più vita alla casa del suo Dio. Gli altri invece non fanno alcuna rinuncia. Prima viene la loro vita, i loro vizi, i loro agi, le loro comodità e poi vi è anche spazio per fare una elemosina alla casa del Signore. Fare una offerta con la fede e farla senza la fede non produce lo stesso frutto. La fede si fa rinnegamento di se stessi. La non fede si fa rinnegamento del nostro Dio.
La fede di questa donna è grande. Al Dio che dona tutto, tutto si dona. Si dona tutto, consegnandosi a Lui che è il nostro tutto. Chi dona a Dio, mai deve avere paura. Il Signore sempre risponde con la larghezza della sua misericordia e della sua bontà infinita. Mai il Signore ha lasciato senza pane colui che lo ha nutrito di pane.
Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, fateci di purissima fede.

Lunedì Della XXXIV Settimana del Tempo Ordinario Anno Cultima modifica: 2016-11-21T19:18:39+00:00da angela1845
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento